Illuminare la zona living

La zona living è quell’ambiente della casa destinato alla socialità, in cui ci si rilassa e dove si passa il tempo libero. 

Si tratta di un luogo dove più aree funzionali coesistono insieme armonicamente e per questo la luce gioca un ruolo essenziale per il benessere e per la definizione dello spazio. Essa infatti deve essere proporzionata alla dimensione del salotto. 

La prima regola, ad ogni modo, rimane sempre quella di valorizzare la luce naturale.

L’importanza di illuminare la zona living

Importante in questo caso, più che negli altri ambienti, è la sua funzione estetica. L’illuminazione deve infatti in questa precisa zona, oltre a fornire la giusta luce, mettere in evidenza gli arredi e per tale motivo giocare con differenti lampade. La luce è in grado di far emergere la personalità di chi la abita e il suo giusto equilibrio crea armonia.

Non dimentichiamo però che il progetto di illuminazione deve sempre tenere in considerazione la salute fisica e psicologica di chi vive in una casa. Anche qui, l’eccesso di luce può risultare sgradevole e una sua erronea distribuzione o carenza, possono invece creare problemi di visibilità e di comfort.

L’illuminazione deve sempre essere ben distribuita e integrarsi con la luce naturale soprattutto quando essa svanisce durante la sera. 

Come creare allora la giusta luminosità?

Sicuramente la zona living dovrebbe coniugare elementi minimalisti con pezzi di design. Inoltre anche i punti luce devono essere in linea e coerenti con lo stile scelto per lo stesso contesto. Ricordiamoci che anche il benessere visivo è importante quando si rientra nel proprio appartamento.

Un lampadario a sospensione, posizionato in un punto centrale della stanza, è quasi sempre necessario e nel caso in cui la zona non sia ampia potrebbe essere sufficiente. Anche in questo caso però è ugualmente interessante giocare con elementi differenti.

Invece, se il soggiorno è ampio, un unico lampadario non basterà. Si avrà bisogno di inserire delle fonti di luce funzionale e mirata, e/o fonti di illuminazione indiretta.

Le prime comprendono lampade da terra o da tavolo e applique. Le seconde invece comprendono le fonti di luci luminose che non sono in piena vista, nascoste. Esse creano una luce indiretta e si dividono in faretti, lampade da soffitto inserite in nicchie di cartongesso e/o cornici. Queste ultime, oltre ad essere accostate alle prime, daranno maggiore calore all’ambiente e profondità agli spazi. 

Non dimentichiamo che la zona living è importante anche per dare la giusta accoglienza agli ospiti, facendoli sentire immediatamente a loro agio. Quando si entra in una casa ben illuminata, infatti, si ha subito una sensazione di calore.

Un pensiero su “Illuminare la zona living

  1. Pingback: Zona living in stile shabby chic - Vendita Lampadari Online - Lucillaplace

Commenti chiusi.

WhatsApp